Search for:

Storia del colore da Pitagora a Newton

di Mauro Boscarol

Edizione 2021
illustrato a colori
14×21 cm – brossura con alette
Tot. pagine 392
ISBN 979-12-80246-05-9

 

Categories: ,

Descrizione

La storia delle varie ipotesi che sono state fatte sull’occhio umano, sulla visione e sulla sensazione di colore nei circa venti secoli che vanno da Pitagora all’età moderna.

Alcune delle etimologie di Isidoro appaiono oggi bizzarre. Nel libro “Degli animali” c’è l’etimologia di “colomba”: deriva dal fatto che il suo collo, ogni volta che si gira, cambia colore. I colori invece “sono stati così chiamati perché elaborati con il calore del fuoco o del sole”. Isidoro cita il colore del camaleonte, i colori delle pietre preziose e un cristallo esagonale trovato nel mar Rosso che riproduce i colori dell’arcobaleno.

Dall’antichità ad oggi, il colore è sempre stato considerato un argomento enigmatico, posto su qual che confine remoto. Eppure Aristotele scriveva che “oggetto della vista è il visibile, e il visibile è il colore”. E oltre duemila anni dopo James Clerk Maxwell iniziava una conferenza alla Royal Institution di Londra con le parole:

“Vedere è vedere a colori”.

Qual è la natura del colore e come si forma la sua sensazione: sono questioni alle quali si è cercato più volte di rispondere ma ancora non c’è una risposta per tutte le domande.

In questo testo è tracciata la storia delle varie ipotesi che sono state fatte sull’occhio umano, sulla visione e sulla sensazione di colore nei circa venti secoli che vanno da Pitagora all’età moderna.

 

Recensioni da media

Art is line – blog, 30 marzo 2021

Look inside

#pdfp661ba577cf52d .title { font-size: 16px; }#pdfp661ba577cf52d iframe { height: 1122px; }#pdfp661ba577cf52d { width: 100%; }

Ti potrebbe interessare…