Search for:

Leggende sugli sciamani siberiani

a cura di Luciana Vagge Saccorotti

Edizione 2017
14 x 21 cm – brossura
Tot. pagine 224
ISBN 978-88-99898-73-1
collana radici >>

Categories: ,

Descrizione

Il termine sciamanesimo venne usato comunemente dagli studiosi per definire un fenomeno magico-religioso, presente in diverse parti del mondo, ma che dovrebbe in teoria essere utilizzato soltanto per le varie tribù appartenenti ai popoli tunguso-mancesi.

La voce sciamano deriva, infatti dalla trascrizione russa šaman del tunguso šamen, mentre gli altri popoli che praticano lo sciamanesimo usano espressioni differenti.

Lo sciamanesimo è un complesso di credenze, un fenomeno religioso, per eccellenza siberiano e centro-asiatico, ma presente anche fra gli aborigeni australiani, nell’America settentrionale e meridionale, nell’Asia sud orientale, in Indonesia, in Cina, nel Tibet e in Giappone.

Dalle testimoniane raccolte in questo libro si evince la potenza dello sciamano che trascende la sua morte.

Tra i popoli tradizionali egli è venerato come protettore della famiglia e dell’intera sua comunità. Ma è suggestivo pensare a lui anche come precursore della poesia epica, compositore, narratore, cantore e attore sulla scorta di una ininterrotta tradizione poetico-drammatica e scenica, intrisa di lirismo ed efficacia stilistica…

Le memorie degli sciamani ancora in vita nel 1925 e i racconti di chi li aveva conosciuti ci insegnano che “[…] la più grande distanza che l’uomo deve percorrere nella sua vita è il cammino tra la ragione e il cuore. Se non supererà questa distanza egli non potrà mai volare come un’aquila e librarsi sull’iceberg/specchio della sua anima…”, come ci ricorda Angaangaq, grande sciamano inuit.

Altre notizie del libro su Wikipedia >>

ALTRI LIBRI DELLA SERIE  RADICI >>

 

 

Look Inside

#pdfp6650e574ecb51 .title { font-size: 16px; }#pdfp6650e574ecb51 iframe { height: 1122px; }#pdfp6650e574ecb51 { width: 100%; }

Ti potrebbe interessare…