Search for:
Copertina del libro Il boccon del prete. Ovvero il culo della gallina? Scienza, storia e tradizioni in tavola, di Giovanni Ballarini

Il boccon del prete

Ovvero il culo della gallina?
Scienza, storia e tradizioni in tavola

di Giovanni Ballarini

Edizione 2018
14×21 cm – brossura con alette
Tot. pagine 160
ISBN 978-88-98823-65-9
collana cibo e cucina

oppure acquista l’ebook >>

 

 

Categories: ,

Descrizione

Fare del cibo cultura è un talento tutto italiano, non solo in cucina ma anche a tavola.

Un vassoio di pasticcini da cui pescare golose curiosità sulla tavola e sulle nostre tradizioni gastronomiche: è questa l’impressione che si ha leggendo Il boccon del prete di Giovanni Ballarini, Presidente onorario dell’Accademia italiana della cucina.

Assaggiamo infatti l’origine di proverbi come “gallina vecchia fa buon brodo”, o il collegamento tra personaggi celebri e piatti omonimi, come il “filetto alla Chateubriand”, assaporiamo leggende e verità sulla pizza e sui maccheroni, ci deliziamo di distinzioni ormai dimenticate tra cibi magri e grassi che hanno dettato legge sulle tavole dei nostri nonni. E se l’appetito vien mangiando, la curiosità vien leggendo: così ci troviamo al termine del libro con il desiderio di sapere di più, di approfondire, di affrontare con interesse culturale quello che per l’Italia rappresenta un patrimonio inestimabile, ossia le innumerevoli cucine del suo territorio e la storia e le tradizioni che ruotano intorno a esse.

Gli stranieri osservano con toni sarcastici che solo gli italiani parlano di cibo mentre mangiano: lungi dall’indicare una specie di brutale ingenuità del nostro popolo, credo che ciò sia l’indizio di una inconsapevole consapevolezza della ricchezza del nostro patrimonio culturale gastronomico, e dell’importanza che esso ha e ha avuto non solo nella nostra società, ma nelle società di tutto il mondo.

Recensioni da media:

Repubblica sera, 13 gennaio 2016 >>

La repubblica, 7 gennaio 2016 >>

Gazzetta di Parma, 13 giugno 2016 >>

 

Look Inside

#pdfp661bf9a37ecc9 .title { font-size: 16px; }#pdfp661bf9a37ecc9 iframe { height: 1122px; }#pdfp661bf9a37ecc9 { width: 100%; }

Ti potrebbe interessare…

  • La cucina piacentina, molto più di un ricettario: un libro di storia, antropologia, aneddoti e oltre 200 ricette. Turteil cun la cuà, in sla tàvla anca dal re! (Tortelli con…
  • Oltre 250 ricette. Approfondimenti storici e folcloristici e le moderne tecniche di cottura del tubero che ha sfamato il mondo: Benedetta patata. Nel 1793 ai parroci del dominio della Serenissima…
  • Il miele è un elemento antichissimo che, per il profumo, il colore, il sapore e la carica energetica in essa contenuta, è entrato nel linguaggio di scrittori e poeti a…
  • “Perché la parmigiana si chiamava parmigiana?”, uno dei tanti perché che possono nascere nelle conversazioni di fine pasto. Come le briciole prima del dessert erano raccolte (ma non buttate), ancor…